Mafia: intestazione fittizia, assolto

Si chiude tra prescrizioni e assoluzioni il processo per intestazione fittizia a carico del costruttore Francesco Francofonti, ritenuto vicino alla cosca mafiosa di Brancaccio, di Antonino Vernengo, esponente della omonima famiglia mafiosa e di tre donne Rosa Francofonti, figlia dell'imputato, Giuseppe Provenzano, moglie di Vernengo, e Angela Caruso. Secondo l'accusa Francofonti e Vernengo avrebbero in una prima fase intestato fittiziamente alle tre donne la società Palermo Recuperi srl per sottrarla alle misure di prevenzione e anni dopo avrebbero ceduto loro quote dell'attività. Per l'ipotesi di intestazione fittizia gli imputati sono stati tutti assolti; per la cessione delle quote le tre presunte prestanome sono state scagionate, mentre per Vernengo e Francofonti, caduta l'aggravante mafiosa, è stata dichiarata la prescrizione. I fatti sono del 2008.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Nuovo Sud.it
  2. Catania Oggi
  3. EnnaPress.it
  4. ANSA
  5. FiloDirettoMonreale

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Misilmeri

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...